Fine di una storia: cosa succede al nostro corpo

Sappiamo bene cosa si prova a livello emotivo alla fine di una storia d’amore, ma che succede al nostro corpo quando ci lasciamo?

I nostri pensieri si avventurano in strade contorte, le giornate trascorrono in preda alle lacrime e al rimuginio… e, nel frattempo, come reagisce il nostro corpo?
Vi descriviamo 6 conseguenze che la fine di una relazione ha sul nostro fisico e che bisognerebbe imparare a controllare.

1. Ansia
Sapevi che lasciarsi ha conseguenze sul cervello simili a quelle causate dall’astinenza da cocaina? Questo perché, specialmente se ci sono di mezzo problemi d’autostima, si attiva in noi una sorta di dipendenza affettiva dall’altra persona che, quando questa viene meno, si trasforma in vera e propria ansia. Uno stato psicofisico simile provoca problemi di riposo e di concentrazione e, se non viene gestito, può addirittura trasformarsi in depressione.

2. Dolori al petto
Quale espressione è meglio di “cuore spezzato” per parlare di una love story finita male?
Ma, modi di dire a parte, sapevi che il tuo cuore rischia di star male davvero dopo una brutta rottura?
L’eccessiva produzione nel corpo di cortisolo e adrenalina, gli ormoni tipicamente legati allo stress, può essere molto pericolosa per il cuore. Per questo, specie per chi soffre di problemi cardiaci, è importante prendersi del tempo dopo una separazione per dedicarsi ad attività rilassanti e recuperare serenità.

"Seguici sul canale Monic":

3. Problemi di peso
Ti è mai capitato d’incontrare il tuo ex qualche tempo dopo la vostro rottura e trovarlo irriconoscibile? Purtroppo la perdita eccessiva di peso, o l’esatto contrario, è tra le conseguenze più diffuse di una separazione.
Il già citato stress emotivo può causare dolori addominali, cattiva digestione e diarrea che, oltre a far passare la fame, non favoriscono l’assorbimento del cibo. Al contrario, dalla difficoltà a dormire e dallo scarso movimento, sostituito da pomeriggi tra cioccolata e serie tv, può derivare qualche chilo di troppo.

4. Dolori muscolari
Sembra che, dopo una rottura, spasmi e contrazioni muscolari siano all’ordine del giorno. Tutto questo perché ci sentiamo più deboli e vulnerabili e, se fosse per noi, resteremmo tutto il giorno in casa a disperarci e a ripercorrere la relazione dal primo all’ultimo in giorno, in cerca dell’errore fatale! Non va bene ragazze, non va bene. Molto meglio soffrire dopo averci dato dentro con gli addominali, almeno ne sarà valsa la pena!

5. Occhi gonfi
La reazione ad una rottura che non risparmia praticamente nessuno? Le lacrime. Veri e propri fiumi di lacrime. Le lacrime si distinguono in tre tipologie: quelle basali, che rilasciamo ogni giorno per mantenere gli occhi umidi e ossigenati, quelle fisiologiche, che produciamo in reazione ad agenti irritanti (come le cipolle) e quelle psichiche. Quest’ultime sono le più fastidiose perché, coinvolgendo anche battito cardiaco e respirazione, è difficile fermarle.
Asciugarsi gli occhi strofinandoli, poi, peggiora la situazione poiché li fa arrossare e gonfiare ulteriormente.

6. Problemi a pelle e capelli
Bisogna già ammettere che, subito dopo la fine di un rapporto, la cura personale tende a passare un po’ in secondo piano… ma, come se non bastasse, ci si mettono anche gli ormoni. Gli stessi ormoni da stress responsabili dei dolori al petto possono essere, infatti, anche causa di acne e perdita dei capelli. Insomma, sarebbe meglio superare il trauma post-rottura alla svelta e tornare a farsi belle, magari con un nuovo taglio!

Ma chi ce lo fa fare…… sono loro ad aver perso di più

fonte

#Monic - il mondo è DONNA

"Seguici sul canale Monic":

Clicca MI PIACE sulla nostra pagina:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Monic non è contraddistinto da una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità regolare. Esso non costituisce “prodotto editoriale” ai sensi e per gli effetti della legge 7 marzo 2001, n. 62, né si applicano allo stesso le disposizioni previste per la stampa, ivi incluse le norme di cui alla legge 8 febbraio 1948, n. 47. Monic è un sito satirico e quindi alcuni articoli contenuti in esso non corrispondono alla veridicità dei fatti. La redazione non intende minimamente offendere nessuno. Testi, video e immagini inserite e contenute in questo blog sono tratte da internet e pertanto, considerate di pubblico dominio. E’ possibile utilizzare gli articoli contenuti in questo sito solo se esplicitamente citata la fonte tramite link di collegamento.